Confsal Emilia Romagna

Vai ai contenuti

Menu principale:

Comunicati

Bologna 23/11/2017


XI Congresso regionale Snals- Confsal


Si è celebrato in Bologna, il giorno 23 novembre 2017, alle ore 15,00, presso l’Istituto salesiano “Beata Vergine di S. Luca”, l’XI Congresso regionale Snals- Confsal, che ha eletto il nuovo  Consiglio Regionale.
Subito dopo, si è riunito il nuovo consiglio regionale, con il compito di eleggere il nuovo segretario regionale Snals – Confsal Emilia Romagna.
E’ stato rieletto-  per acclamazione - l’uscente segretario Gianfranco Samorì, che ringrazia per la fiducia accordatagli dopo il mandato appena conclusosi.
A Gianfranco Samorì vanno i complimenti e gli auguri di tutti i componenti del Consiglio Generale Confsal Emilia Romagna e quelli del suo segretario generale, Letizia Giello.




Modena 03/11/2017


APERTA LA PROCEDURA RINNOVO RSU ALLA POZZI GINORI GEBERIT DI GAETA (LT)

Aperta la procedura per il rinnovo della RSU nella azienda di ceramica sanitaria Pozzi-Ginori Geberit di Gaeta (LT).
Contando l’azienda 298 dipendenti, Saranno eletti 6 delegati che andranno a comporre la RSU.

La Fesica – Confsal, settore ceramico, ha già affisso la lista con ben 6 candidati:

Davide Tomei (capolista), Luciano Addessi, Maurizio Sasso, Erasmo Colaruotolo, Antonio Rosano, Giovanni Lefano.

La commissione si riunirà per la prima volta Sabato 11 novembre alle ore 12.





Spilamberto 3 Novembre 2017

 FILCTEM-CGIL      FEMCA-CISL      UILTEC-UIL     FESICA-CONFSAL

COMUNICATO SINDACALE
GRUPPO C.B.S. srl

A SEGUITO DELLA PROCLAMAZIONE DI SCIOPERO DEL 23 OTTOBRE DOVE SI DICHIARAVANO
24 ORE DI SCIOPERO (3 GIORNATE)
DI TUTTI I LAVORATORI DELLO STABILIMENTO DI SPILAMBERTO  E DI CUI LE PRIME 8 ORE SI SONO SVOLTE IL 27 OTTOBRE SI PROCLAMANO ULTERIORI

8 ORE ORE DI SCIOPERO
CHE SARANNO SVOLTE
MARTEDI’ 7 NOVEMBRE 2017
PER L'INTERO TURNO/ORARIO DI LAVORO

CON PRESIDIO DAVANTI ALLO STABILIMENTO DI VIA VIGNOLESE N.2695 DI SPILAMBERTO (MO) DALLE ORE  7.00 ALLE ORE 15.00.

RIDURRE I COSTI DELLA PRODUZIONE LICENZIANDO I LAVORATORI NON E’ ACCETTABILE !!!


Spilamberto 3 Novembre 2017



Spilamberto 23 Ottobre 2017

 FILCTEM-CGIL      FEMCA-CISL      UILTEC-UIL     FESICA-CONFSAL

COMUNICATO SINDACALE
GRUPPO C.B.S. srl

A SEGUITO DELL'ASSEMBLEA SINDACALE DEL 20 OTTOBRE 2017 C/O LO STABILIMENTO DI SPILAMBERTO (MO) LE OO.SS , ED I LAVORATORI


CONSIDERATO CHE :


QUANTO COMUNICATO DALL’AZIENDA NEGLI INCONTRI SINDACALI DELLE ULTIME SETTIMANE E, IN ULTIMO, NELL’INCONTRO DEL 17 OTTOBRE PREVEDE UNA ECCESSIVA RIDUZIONE DEL PERSONALE, CHE, SEBBENE RISPONDA AD UN’OTTICA DI RIORGANIZZAZIONE E DI CONCENTRAZIONE DELL’ATTIVITA’ DI PRODUZIONE SULL’ATOMIZZATO, RISULTA ECCESSIVA NEL NUMERO COMPLESSIVO DI PERSONALE DICHIARATO IN ESUBERO;
QUESTA SOLUZIONE NON GARANTIREBBE IL NORMALE SVOLGIMENTO DEL LAVORO E DELLA PRODUZIONE, SE NON ATTRAVERSO UN CONSIDEREVOLE AGGRAVIO DEI CARICHI DI LAVORO PER I RESTANTI LAVORATORI;
LE PROPOSTE ALTERNATIVE ATTE A GARANTIRE UNA MIGLIOR COPERTURA DEI TURNI PRESENTATE DALLE OO.SS. E DALLA RSU NON SONO STATE RITENUTE ACCETTABILI DALLA DIREZIONE AZIENDALE;
SONO INOLTRE ANNI CHE CHIEDIAMO AL GRUPPO C.B.S. DI FARE ADEGUATI INVESTIMENTI SIA SULL’IMPIANTISTICA CHE SULLA SICUREZZA, INVESTIMENTI CHE SAREBBERO IL VERO MOTORE DI UNA CONCRETA RIPRESA DELLA COMPETITIVITA’ DELL’AZIENDA;


DANDO SEGUITO AL MANDATO CONSEGNATOCI DAI LAVORATORI NELL’ASSEMBLEA SINDACALE DEL 20 OTTOBRE 2017

SI PROCLAMA

LO STATO DI AGITAZIONE, IL BLOCCO DI OGNI PRESTAZIONE STRAORDINARIA O AGGIUNTIVA ALLA NORMALE PRESTAZIONE DI ORARIO DI LAVORO ORDINARIA, UN PACCHETTO DI
24 ORE DI SCIOPERO (3 GIORNATE)
DI TUTTI I LAVORATORI DELLO STABILIMENTO DI SPILAMBERTO DI CUI LE PRIME

8 ORE ORE DI SCIOPERO
SARANNO SVOLTE
VENERDI’ 27 OTTOBRE 2017
PER L'INTERO TURNO/ORARIO DI LAVORO

CON PRESIDIO DAVANTI ALLO STABILIMENTO DI VIA VIGNOLESE N.2695 DI SPILAMBERTO (MO) DALLE ORE  4.00 ALLE ORE 14.00.

RIDURRE I COSTI DELLA PRODUZIONE LICENZIANDO I LAVORATORI NON E’ ACCETTABILE !!!


Spilamberto 23 Ottobre 2017




22 Marzo 2017, Modena


      

CONCLUSO CONGRESSO FISMIC DI MODENA E PIACENZA


Il 21 Marzo c.a. nel territorio della rossa più affascinante, che tutto il mondo ci invidia, MARANELLO, presso l’Agriturismo" Fattoria del Parco" di Gorzano, si è svolto il Congresso territoriale della FISMIC di Modena e della FISMIC di Piacenza.
Giornata molto partecipata, un proficuo dibattito dopo che Massimo Mello, segretario della FISMIC modenese, e Carlo Ponzini, segretario della FISMIC piacentina, hanno letto le relazioni congressuali dal titolo "DAL SINDACATO DEI SINDACALISTI AL SINDACATO DEI LAVORATORI"
Presenti tra gli altri, il Segretario Generale della FISMIC Roberto Di Maulo, il Segretario Nazionale Raffaele Martinelli oltre al Segretario della FISMIC mantovana Antonio Cuoco, il Segretario Regionale CONFSAL Emilia Romagna Letizia Giello ed il Segretario Provinciale CONFSAL di Modena Natale De Salvo.
Il Congresso di Modena, giunge dopo che, nel mese di ottobre 2016, si sono svolte le PRIMARIE del sindacato FISMIC, democratico strumento di elezione utilizzato per la prima volta dal sindacato per rinnovare la propria classe dirigente.
Durante il Congresso, poi, il segretario di Modena Massimo Mello, insieme al segretario di Piacenza Carlo Ponzini, già scelti mediante le PRIMARIE, hanno sottoposto al voto congressuale le proprie proposte di segreteria, votate dalla maggior parte dei delegati al Congresso. Ha tratto le conclusioni di questa intensa e proficua giornata il sempre energico coach della FISMIC, il segretario Generale Roberto Di Maulo, dando appuntamento al Congresso Nazionale di Montesilvano.

Modena 22 Marzo 2017                                                     


FOTO EVENTO




RINNOVO CONTRATTI PUBBLICO IMPIEGO
LA CONFSAL SOTTOSCRIVE L’ACCORDO QUADRO


COMUNICATO STAMPA


PUBBLICO IMPIEGO:
CONFSAL HA SOTTOSCRITTO OGGI L’ACCORDO QUADRO
      DI CUI CHIEDE LA PUNTUALE ATTUAZIONE


Roma, 1 dicembre 2016.  La Confsal ha sottoscritto oggi l’accordo-quadro con il governo sulle questioni aperte riguardanti il pubblico impiego, con particolare riferimento ai presupposti economici e normativi necessari al fine di aprire il negoziato per il rinnovo dei contratti di lavoro.
L’intesa impegna, tra l’altro, le parti anche in materia di potenziamento delle relazioni sindacali, di ampliamento della materia negoziale e di attuazione della riforma della pubblica amministrazione.
L’accordo rispecchia in buona parte quanto sostenuto e proposto al governo da parte della Confsal – la quarta confederazione sindacale italiana - nei precedenti incontri politici e tecnici al Ministero della funzione pubblica.
"Ora la Confsal – ha dichiarato il Segretario Generale, Marco Paolo Nigi - chiede al governo di passare dagli impegni sottoscritti ai fatti e agli atti, partendo dall’emanazione dell’atto d’indirizzo all’Aran per l’immediata apertura del negoziato".

Il Segretario generale Confsal ER
Prof.ssa Letizia Giello




ROMA, Mercoledì 16 novembre 2016

COMUNICATO STAMPA

SIGLATA DALLA FESICA –CONFSAL , SETTORE CERAMICO
IPOTESI DI ACCORDO PER RINNOVO CCNL 2016-2019
Aumento complessivo di 81 €, di cui 76€ sui minimi e 5 sulla previdenza complementare


Mercoledì 16 novembre 2016, in tarda serata, la Fesica-Confsal, settore ceramico, (insieme a Filctem-Cgil, Femca-Cisl, Uiltec-Uil, Ugl Chimici, Fialc Cisal, Failc Confail
)., ha siglato con Confindustria Ceramica l’ipotesi di accordo per il rinnovo del contratto collettivo nazionale (1 luglio 2016 - 31 dicembre 2019) dei settori piastrelle, ceramica sanitaria e materiali refrattari (circa 26 mila gli addetti), scaduto il 30 giugno 2016.
L’ipotesi di Accordo vuole essere una risposta concreta ai bisogni dei lavoratori dei 4 settori interessati al rinnovo, in difesa del potere d’acquisto dei  loro salari e del welfare.
L'aumento complessivo è di 81 €, di cui 76€ sui minimi e 5 sulla previdenza, con un montante salariale che va oltre i 2000 euro.
Per il settore piastrelle gli aumenti partiranno dal luglio 2017: 31€ dal 1° luglio 2017; 31€ dal 1° gennaio 2018; 14€ dal 1° gennaio 2019.
Per il settore refrattari: 30€ dal 1° luglio 2017; 26€ dal 1° gennaio  2018; 20€ dal 1°agosto 2019.
Per il settore Ceramica Sanitaria e Stoviglieria: 25€ dal 1° luglio 2017; 20€ dal 1° gennaio  2018; 31€ dal 1°dicembre 2019.
Un anno di carenza (1° luglio 2016-  30 giugno 2017), come si può vedere, determinato dal decalage dell’inflazione degli ultimi anni e dalla deflazione in atto.
"La Fesica-Confsal, settore ceramico – ha dichiarato il Segretario Nazionale, Letizia Giello, unitamente a Bruno Mariani, segretario generale della Fesica-Confsal, e a Marco Paolo Nigi, Segretario generale della Confsal – è soddisfatta per i risultati portati a casa, visto il momento delicato che sta attraversando la contrattazione nazionale su altri tavoli e per altri settori. La delegazione trattante di Confindustria Ceramica, guidata dal neoeletto presidente, Giorgio Romani, ha mostrato fin dal primo incontro la determinazione a trattare per arrivare ad un Accordo, anche se le proposte iniziali si erano rivelate "irricevibili". Ma l’altrettanta determinazione dei sindacati ha permesso alle parti di trovare un punto di incontro e di arrivare a risultati soddisfacenti."
Ora tocca ai lavoratori valutare i termini degli accordi ed approvarli: per questo saranno indette immediatamente le assemblee in tutte le aziende. Entro il 16 gennaio 2017 i sindacati dovranno sciogliere la riserva e passare alla sottoscrizione definitiva.




Roma, 20 Gennaio 2016


COMUNICATO STAMPA
PA/norme su licenziamento

Nigi (Confsal): “Renzi demagogo. Bastava la legge Brunetta.
Si è inventato un percorso ripetitivo pur di mettere la sua firma”
Roma, 20 gennaio. “Attendiamo dal Consiglio dei ministri di stanotte la “svolta epocale” sulla
licenziabilità dei pubblici dipendenti promessa dal presidente del Consiglio” ha dichiarato il
segretario generale della Confsal, Marco Paolo Nigi.
“Vedremo – ha proseguito Nigi -. In ogni caso ci pare curioso che il governo voglia far passare
come nuove norme già previste dalla Legge Brunetta con cui è possibile licenziare subito. Pur
di non dar ragione all’ex ministro della Pubblica amministrazione, Renzi si è inventato un
percorso ripetitivo che, di fatto, avrà l’unico merito di portare la sua firma. E questo per
ingraziarsi l’opinione pubblica italiana. Risultato: tempo perso ma tanta visibilità”.
“Voglio ribadire che siamo a favore del licenziamento degli assenteisti. Del resto, chi non va a
lavorare dimostra che non ne ha bisogno. Allo stesso modo, però, vogliamo che sia
riconosciuto il merito a chi il merito ce l’ha, così come vogliamo che i procedimenti per il
licenziamento, seppur veloci, non si traducano in processi sommari e arbitrari”.
“C’è molto da fare per riformare in meglio la pubblica amministrazione italiana, ma tutto deve
partire da una rinnovata considerazione del lavoro pubblico e della sua importanza. Di sicuro,
non si può riformare disprezzandolo. Prima di tutto il governo rinnovi i contratti del pubblico
impiego e la smetta di umiliare – vuoi per scopo propagandistico vuoi per fare cassa - più di 3
milioni di lavoratori dello stato” ha concluso Nigi.



Comunicato Stampa


Rinnovo  R.S.U.
nella ceramica Oscar for Porcelain and Ceramic Tiles Srl di Sassuolo:
la lista Fesica-Confsal la più votata.

A seguito delle votazioni del 13 e 16 novembre 2015 per il rinnovo della R.S.U. nella ceramica Oscar for Porcelain and Ceramic Tiles Srl  la lista Fesica-Confsal è stata, come già in Emilceramica nel 2014, la più votata, avendo riportato il 41% dei voti validi su 4 liste presentate ed è risultata eletta TIZIANA OLMI, che uno dei tre delegati eletti.
Grande soddisfazione nella sede nazionale della Fesica-Confsal di viale Corassori di Modena per i risultati conseguiti: alla neoeletta sono andati i complimenti del segretario nazionale, Letizia Giello,e di tutta la segreteria.

[Letizia Giello, Segretario Nazionale Fesica-Confsal, Settore Ceramico]



Modena 08 Novembre 2014

COMUNICATO STAMPA
Tavola Rotonda  
"Il futuro del trasporto pubblico in Emilia Romagna"


In un contesto quale quello del trasporto pubblico locale e ferroviario emiliano-romagnolo che muove 300.000.000 di utenti/anno,  quali  scenari e ricadute  attendersi per il futuro ovvero quali azioni mettere in campo per mantenere i servizi,  migliorandone qualità ed efficienza e garantendo, allo stesso tempo, livelli occupazionali e salariali?

Lunedì 10 Novembre 2014
presso l'Hotel Donatello Via P. Giardini, 402
dalle 10:00 alle 13:00

- I Candidati alla Presidenza della Regione Emilia Romagna
- I Candidati di tutti gli schieramenti
sono stati invitati a partecipare al dibattito in una Tavola Rotonda organizzata dalla CONFSAL Emilia Romagna e dalla Federazione dei Trasporti FAST-CONFSAL.
Moderatore Giuseppe Leonelli, direttore "PRIMA PAGINA".
La Tavola Rotonda costituirà l’occasione per un confronto tra i candidati alla Presidenza della Regione Emilia Romagna - su proposte e strategie economico – finanziarie inserite nei loro rispettivi programmati -  per lo sviluppo e la sostenibilità del trasporto pubblico locale e ferroviario in Emilia Romagna, rispetto alle criticità e ricadute da attribuirsi in parte alla situazione economico- finanziaria del paese.
[Segretario Regionale Confsal ER, Letizia Giello, 3404753080 ]
[Segretario Regionale Fast- Confsal, Teodoro Pappalardo, 3357541707]



Modena 4/12/2014


ELEZIONI RSU IN EMILCERAMICA GROUP

FESICA-CONFSAL IL SINDACATO PIU’ VOTATO



Grandissima affluenza per le elezioni della RSU in Emilceramica Group, con una media oscillante tra l’82% e l’84%, di cui oltre il 44% ha votato la lista Fesica-Confsal. I risultati sono stati straordinari: 184 voti riportati  e 4 delegati eletti (3/6 in Fiorano1  ed 1/4 in Fiorano2): Michele Loviso (il candidato più votato in assoluto), Ruggero Del Vecchio, Luigi Argentino per Fiorano1; Giuseppe Rendina per Fiorano2 (tra i candidati più votati in Fiorano2, dove erano presenti ben 4 liste). Tutti i delegati eletti hanno riportato risultati personali molto lusinghieri ed anche quelli non eletti (Maria Pia Greco, Michele De Meo, Daniele Trombino, D’Amato Vincenzo Natale) hanno dato un contributo preziosissimo alle liste Confsal.
Un grazie di cuore – intende inviare, orgogliosa dei risultati raggiunti, il segretario nazionale Fesica-Confsal, settore ceramico -  :
- a tutti i lavoratori per essere andati a votare con grande partecipazione e per aver aiutato e sostenuto i Candidati Confsal, i quali, consapevoli della grande responsabilità affidata loro, sicuramente sapranno rispettare il mandato che proviene dai consensi ricevuti;
- ai componenti delle 3 commissioni elettorali, ché hanno lavorato con attenzione e dedizione degne di lode, e a quanti hanno lavorato alla buona riuscita delle liste Confsal, in modo particolare a Giosué Sepe, a cui, in quanto componente della segreteria Confsal, era stato affidato l’incarico di seguirle;
- ai candidati delle liste Confsal, eletti e non eletti, che hanno scritto il loro nome accanto a quello della Fesica-Confsal, onorandola e arricchendola dal punto di vista umano e professionale: Michele, Ruggero, Luigi; Giuseppe, Daniele, Maria Pia, Michele; Vincenzo Natale…a tutti va un grazie infinito.
La Fesica- Confsal, dopo avere sottoscritto il 18 marzo scorso il CCNL piastrelle, prosegue il suo cammino di crescita in un settore profondamente in crisi, i cui lavoratori hanno bisogno di particolare cura e tutele. “Nella sede nazionale di Viale Corassori, 24, di Modena , e in quella di Sassuolo, via Cavallotti, 56, si respira un’aria di profonda soddisfazione e di nuovo impulso a continuare, essendo sicuri già da tempo che “la Confsal rappresenta il futuro”, riafferma con la forza che le è abituale Letizia Giello.

SCARICA IL COMUNICATO STAMPA

LINK ARTICOLO "SASSUOLO 2000"

LINK ARTICOLO "CAFFE' DISTRETTO"

ARTICOLO "GAZZETTA DI MODENA"

ARTICOLO "MODENA ECONOMIA"




Roma 19 marzo 2014

COMUNICATO STAMPA
Rinnovo
CCNL Piastrelle, Ceramica e Sanitari

Sottoscritta da Fesica-Confsal
Ipotesi di Accordo


Ieri, 18 marzo, a serata inoltrata, nella sede di Confindustria a Roma, la Fesica-Confsal, Settore Ceramico, insieme a tutte le altre sigle sindacali, ha sottoscritto l’Ipotesi di Accordo per il Rinnovo del CCNL che interessa 37000 addetti all’industria delle piastrelle di ceramica, dei materiali refrattari, ceramica sanitaria, di porcellane e ceramiche per uso domestico e ornamentale, di ceramica tecnica, di tubi in grès. Le imprese interessate sono circa 273, quasi tutte situate nel territorio di Modena, Reggio Emilia, Imola e Faenza, Civita Castellana.
Un aumento di 112,00  euro e di uno 0,1% da versare nel Foncer (fondo di previdenza), con l’una tantum di euro 300,00 (euro 150,00 nella busta paga di giugno e i rimanenti 150,00 euro nella busta paga di gennaio 2015), a saldo della vacanza contrattuale, hanno permesso al Segretario Nazionale della Fesica-Confsal, Letizia Giello, assistita dal segretario generale della Fesica, Bruno Mariani, e dal Segretario Generale Confsal, Marco Paolo Nigi, di chiudere le trattative e di siglare l’ipotesi di accordo di rinnovo del CCNL del 22 novembre 2010 ormai scaduto, le cui trattative si erano aperte dalla fine del maggio 2013. Tutti i lavoratori saranno informati e consultati con assemblee che saranno indette nei prossimi giorni in tutte le aziende.
"Siamo soddisfatti del traguardo raggiunto – sottolinea Letizia Giello, anche a nome dei lavoratori del settore, che hanno composto la delegazione Confsal, (Michele Loviso, Ruggero Del Vecchio, Giuseppe Rendina e Giosuè Sepe) - : gli aumenti, che entreranno nella busta paga già dal mese di aprile (i primi 30,00 euro, prendendo sempre a parametro la categoria D1), restituiranno parte del potere di acquisto perduto in busta paga, con un recupero certo del 6,75%: una tregua alle ansie che attraversano il settore e tutto il distretto ceramico morso dagli effetti della crisi globale e di settore. Un risultato portato a casa nel rispetto della categoria, che, con la propria disponibilità ad affrontare qualsiasi tipo di sacrificio, tutti i giorni contribuisce a salvare posti di lavoro per sé e per i lavoratori che verrannoqualsiasi sacrificioq  "

[Letizia Giello, Segretario Nazionale Fesica - Confsal, settore ceramico]



SCARICA QUI IL PDF

CLICCA QUI PER ARTICOLO CORRELATO, SASSUOLO 2000

CLICCA QUI PER ARTICOLO CORRELATO, ADNKRONOS



SCARICA QUI L'ARTICOLO DA SASSULO 2000

SCARICA QUI L'ARTICOLO DA ADNKRONOS


CLICCA QUI PER SCARICARE LA RASSEGNA STAMPA




VEDERE TESTO



CONTINUANO LE TRATTATIVE
PER IL
RINNOVO DEL CCNL INDUSTRIE CERAMICHE
Scaduto il 30 giugno 2013


Venerdì 31 gennaio la Fesica-Confsal, Settore Ceramico, ha partecipato a Roma, nella sede di Confindustria, con la sua delegazione, ad una nuova riunione in plenaria per il rinnovo del CCNL Piastrelle, Ceramica Sanitaria, Materiali Refrattari e Stoviglieria
La Fesica – CONFSAL,  Settore Ceramico, come tutte le altre sigle sindacali, è impegnata al tavolo delle trattative per il rinnovo del CCNL, con Confindustria Ceramica da molti mesi, dalla fine del maggio 2013.
Entrambe le parti, Confindustria e Sindacati, essendo consapevoli delle difficoltà che, a causa della crisi, condizionano tutti i settori coinvolti nel rinnovo contrattuale e, superata la fase di ricerca di un metodo di lavoro comune, procedono nell’esame dei documenti, in un confronto proficuo. Sono stati fatti significativi passi avanti per quanto riguarda l’aspetto normativo del CCNL. “Il mercato del lavoro, data la complessità entro cui si muove, richiede un testo contrattuale “esigibile” nel senso della chiarezza onde evitare contenzioso che non giova né ai lavoratori né alle aziende”, ha dichiarato il segretario nazionale Fesica-Confsal, Letizia Giello, che ha poi aggiunto:
“ Noi auspichiamo che le trattative portino alla sottoscrizione di un CCNL facile strumento - per tutto il settore – per migliorare le condizioni generali ed economiche di lavoro dell’intera categoria, e per uscire dalla crisi ed avviarsi verso la risalita:  molti, troppi sono i posti di lavoro che, ancora oggi, risultano in pericolo.

[Il Segretario Nazionale Fesica-Confsal, Settore Ceramico, Letizia Giello, 340-4753080]


Modena 03 febbraio 2014        

QUI IL LINK ALLA PUBBLICAZIONE SU SASSUOLO 2000     

SCARICA QUI IL PDF
                                     

COMUNICATO FESICA-CONFSAL, Settore Ceramico


RINNOVO DEL CCNL INDUSTRIE CERAMICHE
Scaduto il 30 giugno 2013
INDETTO LO STATO DI AGITAZIONE
A SOSTEGNO DELLE TRATTATIVE

Lunedì 16 settembre la Fesica-Confsal, Settore Ceramico, ha partecipato a Roma, nella sede di Confindustria, alla terza riunione in plenaria per il rinnovo del CCNL Piastrelle, Ceramica Sanitaria, Materiali Refrattari e Stoviglieria.
La Fesica – CONFSAL,  Settore Ceramico, impegnata al tavolo delle trattative per il rinnovo del CCNL, con Confindustria Ceramica,

consapevole delle difficoltà da affrontare a causa della crisi che investe tutti i settori coinvolti nel rinnovo contrattuale,
condividendo le preoccupazioni delle altre sigle sindacali ed anche  l’indizione dello stato di agitazione, a sostegno dei negoziati in atto,
preso atto della piena disponibilità di Confindustria Ceramica a continuare la trattativa, che dovrebbe segnare "nuovi e significativi passi avanti" nella plenaria del 29 ottobre, essendo ormai superata – o così si spera - la fase inerente il metodo di lavoro, su cui, fino a questo momento, si sono addensate le maggiori tensioni,


auspica

che le trattative portino alla sottoscrizione di un CCNL non solo "esigibile", come è giusto che sia, ma anche facile strumento - per tutto il settore - per uscire dalla crisi, avviarsi verso la risalita  e salvare tutti i posti di lavoro che, oggi, risultano in pericolo, oltre a migliorare le condizioni generali di lavoro ed economche dell’intera categoria.




COMUNICATO STAMPA

SCIOPERO – MANIFESTAZIONE DI PROTESTA CON SIT-IN IN PIAZZA ROMA

MARTEDÌ 23 APRILE 2013



La CONFSAL invita tutti i lavoratori delle attività commerciali e professionali del  Centro Storico di Modena ad aderire allo sciopero e a partecipare alla manifestazione  con sit-in  che si terrà in Piazza Roma  a difesa del proprio posto di lavoro, che sono messi a rischio dagli ultimi provvedimenti della Giunta del Comune di Modena (allargamento della “zona blu”; diminuzione del numero  delle aree di parcheggio).
In questo momento di grave crisi socio-economica le attività commerciali  e professionali  del Centro Storico vanno ancor più salvaguardate, in quanto la riduzione di tali attività comporterebbe necessariamente la soppressione  di posti di lavoro: i lavoratori, una volta passati allo stato di disoccupazione, difficilmente troverebbero posto altrove.
Si contesta il metodo con cui l’Amministrazione ha predisposto il nuovo Piano Sosta: non si è preoccupata di definire progetti atti a controbilanciarlo e a fornire siti alternativi e funzionali per la sosta delle automobili.
La CONFSAL domani sarà con i lavoratori del Centro Storico di Modena nella speranza che l’Amministrazione  accolga le nostre richieste. Queste, avanzate contestualmente dal Coordinamento residenti-commercianti-professionisti-lavoratori dipendenti del Centro Storico di Modena, saranno presentate domani in Comune, alla fine del Corteo che da Piazza Roma si porterà in Piazza Grande.


[Letizia Giello, segretario regionale Confsal Emilia Romagna, cell. 340/4753080]



A TUTTI I LAVORATORI DELLE ATTIVITA’ COMMERCIALI E PROFESSIONALI
DEL CENTRO STORICO DI MODENA

L’attuazione del Piano Sosta, predisposto dall’Amministrazione Comunale, avrà effetti PERICOLOSAMENTE negativi per tutte le attività commerciali e professionali operanti nel Centro Storico e, quindi, per  voi:
• Notevole allargamento della “zona Blu”, a pagamento, che arriva ad interessare aree anche molto distanti dal Centro Storico, e Cancellazione delle “aree bianche”
• Drastica diminuzione del numero delle aree di parcheggio sia all’interno del Centro Storico sia in tutta la periferia.
• Abdicazione da parte dell’Amministrazione al diritto/dovere della gestione delle aree pubbliche di sosta a favore di un privato con conseguente rinuncia ad incassarne i proventi.
• Drammatica riduzione della capacità di accoglienza del C.S. con fortissima penalizzazione per residenti, esercenti  attività commerciali e professionali e loro fornitori e, in generale, per tutti i fruitori del Centro a qualsiasi titolo.
• A suggello del suddetto Piano Sosta si prospetta l’immediata pedonalizzazione di P.zza Roma, unica ed ultima zona di accoglienza rimasta per i mezzi privati dei fruitori del Centro, senza che l’Amministrazione abbia pronti e ben definiti progetti atti a controbilanciarla e siti alternativi e funzionali per la sosta delle automobili

CONTESTIAMO IL METODO

Soltanto DOPO aver predisposto le alternative
si potrà procedere alla pedonalizzazione
Ma su di voi lavoratori del centro Storico ricadranno gli effetti più negativi di tale piano: il vostro posto di lavoro sarà sicuramente messo a rischio dalla conseguente riduzione della produttività degli esercizi commerciali e professionali.

A sostegno delle nostre richieste, viene indetta una giornata di sciopero, con manifestazione di protesta: un sit-in in Piazza Roma, martedì 23 aprile, dalle 9.00 alle 12.30.

Nessuno dovrà mancare se vorrete essere ascoltati.

ICOMUNICATO   STAMPA


                                 
 La segreteria prov.le della Fismic Modenese si è riunita oggi vista la presenza sul territorio del segretario nazionale Raffaele Martinelli,  per analizzare la situazione occupazionale  e gli andamenti nelle aziende  metalmeccaniche della nostra Provincia.

In un anno di grandi difficoltà, dove il settore tutto e in particolare l’automotive ha perso migliaia di posti di lavori e dove l’impennata delle richieste strumenti di solidarietà, quali  Cigo ( cassa integrazione Ordinaria) eCigs (cassa integrazione guadagni straordinaria)  nonche di mobilità di lavoratori e/o prepensionamenti,  nella nostra provincia se pur con piccole sofferenze possiamo dire ci sono anche segnali di tenuta  con previsoni per il 2013 di miglioramenti.

Proprio nella mattinata di oggi dopo una serie di incontri tenuti nelle giornate precedenti, si sono definiti 2 importanti accordi che, da un lato garantiscono i lavoratori e il futuro di Maserati e dall’altra confermano il momento favorevole della Ferrari . Nel merito dopo la definizione dell’aprile scorso della ristrutturazione e rilancio dello stabilimento Maserati, con l’arrivo della produzione della nuova vettura Alfa 4/C, oggi  sono stati confermati e condivisi e progetti di attuabilità  individuando nel primo semestre una insaturazione per circa 50 lavoiratori che saranno riprotetti in distacco in Ferrari con la possibilità entro sei mesi di poterVi rimanere. Nel contempo con  l’inizio dell’aumento della  produzione di Motori (obiettivo 45.000 annui, come da accordo del maggio 2012 in Ferrari)  con accordo siglato in data odierna tra  Ferrari e  le Rsa , le segreterie di  Fim Uilm FISMIC, firmatarie del CCSL e degli accordi integrativi aziendali ,  hanno comvenuto con Ferrari oltre all’inserimento dei circa 50 lavoratori di Maserati in arrivo da gennaio a febbraio, anche l’assunzione entro il 2013 di ulteriori 50/70 lavoratori .

Se aggiungiamo a questo il buon andamento annuale della CNH DI Modena dove durante l’anno  sono state consuntivate oltre 100   assunzioni  in somministrazione  di cui a fine anno 15 confermate a tempo indeterminatoe le altre in somministrazione proprograte sino al giugno 2013, Crediamo sottolinea il segratrio nazionale Martinelli che questo territorio dia segnali importanti e apra una speranza che in tante altre parti del paese  sembra ancora preclusa . la speranza del lavoro per che non c ‘è là!!!!!

Il segretario provinciale Fismic Massimo Mello ha poi confermato che si stanno tenendo le assemblee con i lavoratori di tutti gli stabilimenti di cui sopra   che oltre ad informare di quanto raggiunto come da  accordi sopra citati, anche in merito alla massima informazione sul rinnovo del CCSL  in fase di arrivo in questi giorni.

Cordiali saluti
Modena 7 dicembre 2012
                                                                                                                                            L’addetto stampa Fismic


Comunicato Stampa
Congresso Provinciale FISMIC-CONFSAL
Massimo Mello rieletto segretario provinciale


Oggi, 27 settembre, La Fismic Confsal, la federazione sindacale dei metalmeccanici aderente alla Confsal,  ha celebrato  il 3° CONGRESSO PROVINCIALE alla presenza del Segretario Generale Nazionale Roberto di Maulo, presso il “Centro Famiglia di Nazareth”, via Formigina, n. 319, in cui, secondo statuto, sono stati eletti anche i coordinamenti regionali. Il Congresso è stato presieduto dal segretario nazionale Fismic, Raffaele Martinelli. La relazione del Segretario provinciale uscente, da tutti molto apprezzata per la vastità degli argomenti trattati, che spaziavano dalla politica economica e di governo fino a toccare  l’art. 18, la crisi e la presenza della Fismic Confsal sul territorio, si è sviluppato un intenso dibattito, in modo particolare sulla questione FIAT , arricchito dagli interventi degli ospiti presenti e dei delegati al Congresso. Le conclusioni sono state tratte dal Segretario Generale, Roberto Di Maulo, che  ha saputo tenere alta l’attenzione dei partecipanti al Congresso, dando indicazioni su come aprirsi al futuro, su come cogliere nuove opportunità nel mondo che cambia e sul ruolo fondamentale della Fismic rispetto alla politica aziendale della Fiat. Il segretario generale della Fismic ha invitato, altresì, a ragionare con la propria testa, a non lasciarsi confondere “dall’arroganza di un imprenditore che produce all’estero e pretende di giudicare la politica della FIAT ,mentre in realtà nasconde il suo vero intento, che è quello di mirare  alla conquista della testata di un noto giornale italiano”.
Alla fine dei lavori è stato rieletto segretario provinciale della Fismic Confsal di Modena Massimo Mello con acclamazione e tra gli applausi di chi ha imparato a stimarlo e apprezzarlo per la sua grande umanità.
Si è poi proceduto ad eleggere il nuovo direttivo e il coordinamento Regionale della Fismic, che  lavorerà sotto la supervisione di Raffaele Martinelli.

La Confsal firma Accordo di II livello con la Fondazione Cresci@Mo

Più diritti per le maestre ma CGIL e CISL lasciano il tavolo

Cresciamo, alle insegnanti 1120 euro netti

Fondazione scuola, i dubbi di CGIL e CISL




GUARDA IL VIDEO E LE FOTO DELLA MANIFESTAZIONE

COMUNICATO STAMPA

SCIOPERO – MANIFESTAZIONE DI PROTESTA CON SIT-IN IN PIAZZA ROMA

MARTEDÌ 23 APRILE 2013


La CONFSAL invita tutti i lavoratori delle attività commerciali e professionali del  Centro Storico di Modena ad aderire allo sciopero e a partecipare alla manifestazione  con sit-in  che si terrà in Piazza Roma  a difesa del proprio posto di lavoro, che sono messi a rischio dagli ultimi provvedimenti della Giunta del Comune di Modena (allargamento della “zona blu”; diminuzione del numero  delle aree di parcheggio).
In questo momento di grave crisi socio-economica le attività commerciali  e professionali  del Centro Storico vanno ancor più salvaguardate, in quanto la riduzione di tali attività comporterebbe necessariamente la soppressione  di posti di lavoro: i lavoratori, una volta passati allo stato di disoccupazione, difficilmente troverebbero posto altrove.
Si contesta il metodo con cui l’Amministrazione ha predisposto il nuovo Piano Sosta: non si è preoccupata di definire progetti atti a controbilanciarlo e a fornire siti alternativi e funzionali per la sosta delle automobili.
La CONFSAL domani sarà con i lavoratori del Centro Storico di Modena nella speranza che l’Amministrazione  accolga le nostre richieste. Queste, avanzate contestualmente dal Coordinamento residenti-commercianti-professionisti-lavoratori dipendenti del Centro Storico di Modena, saranno presentate domani in Comune, alla fine del Corteo che da Piazza Roma si porterà in Piazza Grande.


[Letizia Giello, segretario regionale Confsal Emilia Romagna, cell. 340/4753080]



A TUTTI I LAVORATORI DELLE ATTIVITA’ COMMERCIALI E PROFESSIONALI
DEL CENTRO STORICO DI MODENA

L’attuazione del Piano Sosta, predisposto dall’Amministrazione Comunale, avrà effetti PERICOLOSAMENTE negativi per tutte le attività commerciali e professionali operanti nel Centro Storico e, quindi, per  voi:
• Notevole allargamento della “zona Blu”, a pagamento, che arriva ad interessare aree anche molto distanti dal Centro Storico, e Cancellazione delle “aree bianche”
• Drastica diminuzione del numero delle aree di parcheggio sia all’interno del Centro Storico sia in tutta la periferia.
• Abdicazione da parte dell’Amministrazione al diritto/dovere della gestione delle aree pubbliche di sosta a favore di un privato con conseguente rinuncia ad incassarne i proventi.
• Drammatica riduzione della capacità di accoglienza del C.S. con fortissima penalizzazione per residenti, esercenti  attività commerciali e professionali e loro fornitori e, in generale, per tutti i fruitori del Centro a qualsiasi titolo.
• A suggello del suddetto Piano Sosta si prospetta l’immediata pedonalizzazione di P.zza Roma, unica ed ultima zona di accoglienza rimasta per i mezzi privati dei fruitori del Centro, senza che l’Amministrazione abbia pronti e ben definiti progetti atti a controbilanciarla e siti alternativi e funzionali per la sosta delle automobili

CONTESTIAMO IL METODO
Soltanto DOPO aver predisposto le alternative
si potrà procedere alla pedonalizzazione
Ma su di voi lavoratori del centro Storico ricadranno gli effetti più negativi di tale piano: il vostro posto di lavoro sarà sicuramente messo a rischio dalla conseguente riduzione della produttività degli esercizi commerciali e professionali.

A sostegno delle nostre richieste, viene indetta una giornata di sciopero, con manifestazione di protesta: un sit-in in Piazza Roma, martedì 23 aprile, dalle 9.00 alle 12.30.

Nessuno dovrà mancare se vorrete essere ascoltati.





Accordi Nazionali Settore Ceramica

Il 17 luglio 2012, in Sassuolo (Modena), nella suggestiva sede di Confindustria Ceramica, il segretario nazionale della Fesica-Confsal settore Ceramica, Letizia Giello, - in presenza del Presidente della Commissione Sindacale di Confindustria Ceramica Enzo Donald Mularoni, del Direttore Generale Armando Cafiero, del Responsabile Area Lavoro Glauco Roberti -  ha sottoscritto tre accordi nazionali molto importanti:
- particolarmente significativo per il benessere dei lavoratori, l’Accordo in materia di assistenza sanitaria integrativa in applicazione della norma di cui al punto b) parte IX “Welfare di settore” del CCNL del 22/11/2010, che prevede l’adesione volontaria dei lavoratori al Fondo Paritetico FASIE con il versamento annuo di euro 140.00 euro e di altri relativo al 140.00 euro da parte dell’azienda;
- l’Accordo in materia di formazione modello del libretto formativo (Portfolio del lavoratore ceramico), secondo quanto previsto nella parte VIII-Formazione del CCNL, paragrafo 4.1, che sarà compilato dall’azienda presso cui è in forza il lavoratore e che lo accompagnerà allorché dovesse decidere di cambiare posto di lavoro;
- Accordo in materia di Apprendistato per operare l’adeguamento del CCNL ceramica alle nuove norme del Teso Unico sull’Apprendistato del 2011 e alla legge del 28 giugno 2012, in coerenza con l’Accordo interconfederale del 18 aprile 2012, apportando alcune modifiche  all’art.7 del CCNL, in particolare in merito alla durata dell’apprendistato.
L’art. 7, così modificato, risulterà lo stesso sia per i prodotti di piastrelle sia per quelli di ceramica sanitaria, fatta eccezione per le tabelle e Profili dell’Apprendistato professionalizzante, che rimarranno diversi.
Ma l’art. 7 sotto molto aspetti è già di per sé migliorativo rispetto alla legge: è prevista l’applicazione di tutti gli istituti del CCNL, relativamente al periodo di prova, alla malattia e all’infortunio; è riconosciuto il 95% del livello di contribuzione e retribuzione rispetto al livello di categoria a cui fa riferimento l’apprendistato, previsto per le categorie dalla E alla A, con esclusione della F  e con durata 12/24 mesi per la E, 12/36 per la D e C, 18/36 mesi per B e A; per la formazione, infatti, è privilegiata quella interna, a volere sottolineare il valore altamente professionalizzante dell’apprendistato in ambito ceramico.


Sottoscrizione di solidarietà

A seguito dei tragici eventi che hanno colpito il nostro territorio, la CONFSAL Emilia Romagna ha aperto una sottoscrizione di solidarietà ed aiuto a favore della famiglia di Matteo Serra, uno dei lavoratori deceduti nel crollo dell'azienda in cui lavorava.
La famiglia oltre ad essere colpita da questo grave lutto ha anche la casa inagibile.

Chi volesse unirsi a questa sottoscrizione può inviare un contributo tramite bonifico al seguente IBAN:

IT33P0565266851CC0030117616
BANCA POPOLARE DI SAN FELICE SUL PANARO
FILIALE DI GAVELLO
FAMIGLIA SERRA
Causale: contributo di solidarietà


COMUNICATO STAMPA
[31/05/2012]


"Il sisma sta flagellando la nostra regione ed, in particolar modo, la provincia di Modena.
La Confsal esprime sentimenti di vicinanza ai familiari delle vittime , ma anche a tutte le persone “sfollate” che probabilmente dovranno abbandonare, ci auguriamo non per sempre, la propria casa.
La maggior parte delle vittime del terremoto – ha dichiarato il segretario regionale Confsal Emilia Romagna, Letizia Giello – consta di lavoratori, travolti dalle macerie mentre si trovavano sul posto di lavoro, talvolta colpiti insieme al proprio datore di lavoro.
Bisognerà riscrivere la cartina sismica dell’Italia e, nell’immediato, avviare severi controlli in tutte le aziende della nostra regione per assicurarsi che le misure di sicurezza siano adeguate a quanto in questi giorni ha travolto case, capannoni e monumenti, in modo da non trovarsi impreparati nel futuro”.
“I controlli – ribadisce Letizia Giello – dovranno essere rigorosi e condotti dai migliori esperti del nostro territorio: nulla dovrà essere trascurato.
Gli aiuti, promessi dal governo, serviranno per ricostruire e per riavviare le aziende solo se l’importo previsto non peserà, ancora una volta, sulle spalle dei lavoratori, delle loro famiglie e delle aziende stesse: dare con una mano per togliere con l’altra può diventare un gioco di prestigio molto pericoloso, in linea con la peggiore politica degli ultimi tempi.
Quelle che stiamo vedendo in queste ore sono immagini che ci procurano grande dolore e angoscia. La natura si accanisce procurando lutti che toccano le nostre anime e le nostre coscienze. Siamo sconvolti, avviliti e affranti, ma anche consapevoli, conoscendo la forza di carattere della nostra gente, che saremo capaci di metabolizzare la tragedia subita per ripartire con il coraggio, la forza e la determinazione che ci contraddistinguono”.

Letizia Giello, Segretario Regionale Confsal Emilia Romagna [340/4753080]


Cerca
Torna ai contenuti | Torna al menu